Le vere cause del Cancro nascoste dalle Lobby

dr mirco bindi cause cancro lobby

di Mirco Bindi, Medico oncologo autore di “L’alimentazione nella prevenzione del cancro

Dopo 40 anni passati nelle corsie e al domicilio dei malati oncologici ecco in parole semplici cosa consiglia l’oncologo.

Questo è un libretto eretico. Contiene idee che sono contro il pensiero comune.

Le idee qui esposte vanno controcorrente e provocano reazioni di ostilità in tutti quelli che sono abituati a gustare una bistecca alla fiorentina o il cacio pecorino.

Ciò è comprensibile e in parte condivisibile quando ci si trova in una dialettica costruttiva, ma queste idee provocano anche reazioni motivate non da interessi di salute, ma da speculazioni economiche.

L’industria alimentare e farmaceutica non sono affidabili

L’industria alimentare è la più grande tra gli oppositori all’ipotesi che la carne e il latte siano dannosi alla salute. Il loro interesse è economico.

Per loro è impensabile una riconversione dell’alimentazione verso le proteine vegetali. Eppure si potrebbe fare un compromesso, ma loro non sentono ragioni: l’eresia è eresia. Le eresie vanno estirpate come ai tempi di Savonarola.

Questo libretto ha lo scopo di informare la gente che esiste una linea di pensiero medico eretico ed io appartengo a questo filone. Le critiche saranno ben accolte perché serviranno al confronto di esperienze con l’augurio che la ricerca sia interessante in ambo i lati della trincea.

Nel 2011 è stato pubblicato “The China Study” di Colin Campbell. Con dati scientifici illustra la sua teoria sulla genesi del cancro, delle cardiopatie, delle malattie cerebrovascolari, nonché diabete e morbo di Alzheimer. Campbell ha pubblicato il libro allo scopo di informare i comuni cittadini di una realtà che la comunità medica ortodossa respinge e denigra.

Le sue ricerche provano che l’alimentazione è strettamente correlata con le malattie degenerative.

Nei miei quaranta anni di medico mi sono sempre dedicato alla ricerca. Ho sempre studiato e analizzato criticamente quello che mi era stato insegnato.

Ora non vedo la ragione di cambiare perché le Lobby mediche, le Onlus di ricerca e le ditte farmaceutiche considerano Colin Campbell un “ciarlatano” per la teoria sulle cause del cancro.

Se le persone di cui sopra, in cinquanta anni di oncologia moderna, avessero risolto il problema del cancro e migliorato la salute della gente, io potrei fare benissimo il pensionato e godermi i fatti miei.

Se le Lobby dicono che va tutto bene è per puro interesse economico e di potere. Le ricerche di Campbell non sono inventate, sono ricerche sperimentali che analizzano i dati e portano a una conclusione inaspettata.

In medicina non c’è mai la certezza, lo sa anche il paziente più sprovveduto che quando deve sottoporsi a un’anestesia percepisce la paura della morte.

Quale certezza offre la chemioterapia?

Quale certezza può dare una dieta vegetale?

La prima lo sappiamo, la seconda deve essere verificata, ma ha il vantaggio di non costare e di non essere tossica.

In ospedale ho dovuto combattere per fare trattamenti radianti e chemioterapie che non peggiorassero la qualità della vita dei malati.

Perché un paziente che veniva da Pitigliano (GR) doveva alzarsi alle 4 del mattino per essere alle 7,30 in radioterapia ed essere visitato dal medico dopo le dieci? Perché un malato allettato doveva essere portato in ospedale in ambulanza per una flebo di dieci minuti quando poteva eseguirla comodamente a casa?

Conosco la mentalità delle Lobby, a loro non interessa la persona e la sua salute, ma questa volta abbiamo una possibilità diversa.

Il malato è libero di scegliere la sua dieta vegetale perché appartiene alla “sua” privacy e nessuno potrà rubargli la speranza di guarire. È una rivoluzione che parte dal basso.

I tempi iniziano a essere maturi. Le brecce nel sistema lobbistico cominciano a essere aperte. Non ci sarà bisogno di uno scontro distruttivo perché sarà il sistema stesso ad adeguarsi ai nuovi costumi alimentari.

Il tempo sarà testimone di come evolverà il confronto tra ortodossi ed eretici.

Le cause del cancro

Le cause del cancro sono sostanzialmente tre:

  1. genetiche,
  2. ambientali,
  3. nutrizionali.

Le alterazioni genetiche

Le alterazioni genetiche presenti alla nascita sviluppano tumori per lo più in età giovanile, ma la loro incidenza è estremamente bassa: 0.01%.

Ciò significa che madre natura ha costruito un sistema quasi perfetto.

L’evoluzione ha impiegato miliardi di anni per arrivare all’uomo e la sua complessità si ritrova in ogni singola cellula del corpo.

Le cause ambientali

Le cause ambientali sono ritenute oggi le responsabili della maggioranza dei tumori.

Il dott. Percival Pott impiegò trenta anni per capire che la fuliggine era responsabile del cancro allo scroto degli spazzacamini a Londra nel 1775.

Per bandire il DDT ci sono voluti 31 anni in America e 39 anni in Italia. Grazie al DDT nacque il movimento ambientalista. Intanto nelle balene c’è più DDT che grasso e in Sardegna ne spruzzarono 11 milioni di litri.

Scoprire la relazione tra tossicità e malattia è un’impresa ardua. Di solito l’identificazione avviene tardi per l’insorgenza di una malattia o di una deformazione. Da Roentgen (lo scopritore dei raggi X) ai Curie e ai primi pazienti, tutti svilupparono il cancro.

Le radiazioni da allora sono considerate cancerogene e il loro uso è ristretto solo a specifiche indicazioni. Per esempio gli screening mammografici sono attuati solo su donne >50 anni, mentre per i malati di cancro sottoposti a radioterapia il rischio di un secondo futuro cancro è messo in minoranza rispetto al problema immediato.

Le sostanze chimiche possono essere naturali o artificiali.

Le aflatossine, per esempio, sono sostanze prodotte dal fungo aspergillus che infetta le granaglie, il mais, le arachidi e altri semi oleosi. Provocano il cancro al fegato.

Le sostanze chimiche artificiali non si contano più. Il progresso ne sforna in continuazione dai derivati del petrolio. Gli impianti industriali dell’Ilva di Taranto con le loro emissioni non sono ritenuti tossici.

I tassi di mortalità della “città del cancro” non sono diversi dalla città di Lecce e dal Pool dei registri tumori.

Caso analogo nella “terra dei fuochi” a Caserta: tanti sospetti e nessuna corrispondenza.

Le cause nutrizionali

La nutrizione ha attirato l’attenzione negli ultimi anni per i rapporti con le malattie degenerative.

Il particolare il cibo spazzatura e l’incremento del consumo di prodotti animali sembra essere in relazione con il cancro.

Ufficialmente la medicina canonica, insieme alle strutture sanitarie e ai mass media, nega che esista un nesso di causa ed effetto.

Se il cancro è conosciuto dai tempi di Galeno è altrettanto vero che la cura antica era il cibo. Ci voleva lo studio epidemiologico del “China Study” per stabilire la relazione scientifica tra consumo di proteine animali e cancro.

Colin Campbell ha confrontato l’alimentazione della popolazione americana con quella dei contadini cinesi abitanti in zone rurali. I dati non lasciano dubbi. I contadini cinesi non mangiano carne né latticini e non hanno il cancro.

Questa popolazione è immune anche alle altre patologie degenerative cardiovascolari, ictus, Alzheimer, aterosclerosi, diabete, etc. Da qui è nata una nuova teoria basata non tanto sul cibo spazzatura, riconosciuto insalubre, ma sul fatto che le proteine animali introdotte con il cibo danneggiano il sistema metabolico di tutto il trilione di cellule che costituiscono l’organismo. L’idea è così semplice, illuminante e rivoluzionaria da cambiare l’approccio al cancro.

Dopo ogni pasto con carne e latte, le singole cellule che compongono l’individuo entrano in uno stato di superlavoro, stressate, fibrillanti e febbricitanti. In questa perenne condizione d’instabilità anche il cancerogeno più debole può sviluppare il suo effetto tossico.

Sembra l’uovo di Colombo, ma si viene accusati di eresia quando si chiede la riduzione dei cancerogeni e si afferma la validità dei cibi vegetali.

Estratto dal libro “L’alimentazione nella prevenzione del cancro” di Mirco Bindi

Polline d’Api: ecco cosa accade se ne mangi un cucchiaio al giorno

polline d'api

Il polline è il cibo delle api ed è uno degli alimenti più ricchi e nutrienti che la natura ci offre. Esso contiene quasi tutti i nutrienti richiesti dagli esseri umani ed ha delle potenti proprietà curative.

L’unicità del polline è nel suo contenuto

  • Proteine: fino al 35%, quantità impressionante, ancor più se si considera che si tratta di acidi amminici essenziali non sintetizzabili da parte dell’organismo (lisina, triptofano, istidina, leucina, metionina, isoleucina, fenilalanina, treonina, valina) e di acidi amminici che influenzano l’accrescimento (arginina, prolina, cistina, serina, tiroxina).
  • Glucidi: circa il 40% (in particolare amido e lattosio).
  • Lipidi: 5%
  • Acqua: 5%
  • Il restante 15% è composto da varie sostanze, alcune delle quali non ancora definite!

Uno dei fatti più interessanti di polline d’api è che non può essere sintetizzato in un laboratorio. Quando i ricercatori hanno cercato di riprodurre del polline artificiale e darlo alle api, le api muoiono, anche se tutti gli elementi nutritivi noti sono presenti nel cibo sintetizzato in laboratorio. Molte migliaia di analisi chimiche sul polline d’api sono state fatte con le più recenti attrezzature diagnostiche, ma ci sono ancora molti elementi presenti nel polline d’api che la scienza non è in grado di identificare. Le api aggiungono un qualche misterioso “extra” che non conosciamo. Questi elementi non identificabili possono in parte spiegare la forza di guarigione miracolosa del polline.

Bisogna tenere presente che d’altra parte la presenza di tutti gli amminoacidi essenziali per l’uomo che da solo non riesce a sintetizzare rende il polline davvero potente, ecco infatti le funzioni di ogni singolo acido amminico contenuto nel polline:

  • La lisina aiuta la fissazione del calcio, stimola l’appetito, favorisce il rinnovo dei globuli rossi
  • Il triptofano favorisce l’assimilazione della vitamina PP, la produzione dell’ormone serotonina (che favorisce il benessere mentale ed emotivo) e nutre la ghiandola pineale (responsabile del sonno e di molte funzioni sottili)
  • L’istidina è utile alla formazione dell’emoglobina nel sangue
  • La leucina favorisce il buon funzionamento del pancreas e della milza
  • L’isoleucina favorisce i processi di assimilazione delle proteine
  • La valina svolge funzione rinvigorente delle cellule del sistema nervoso e muscolare
  • La fenilalanina attiva i processi di assimilazione della vitamina C, e rinforza l’organismo per combattere stress e aggressioni patogene
  • La metionina è indispensabile all’organismo per la crescita, favorisce il buon funzionamento di fegato ed apparato digerente; carenze di questo aminoacido favoriscono l’insorgere di disturbi epatici, anemie, anoressia, inappetenza
  • L’arginina è indispensabile per la crescita, eventuali carenze possono causare impotenza, frigidità, sterilità
  • La cistina migliora la morbidezza ed elasticità della pelle
  • La tiroxina protegge la pelle dai raggi solari

L’importanze del polline non è solo nella sua capacità terapeutica ma anche il fatto che grazie all’azione delle api viene effettuata l’impollinazione di oltre l’80% delle piante di tutto il pianeta. Se questo non avvenisse la specie umana si estinguerebbe in breve tempo ed è per questo che c’è molta attenzione a preservare le api e mettere al bando i pesticidi che le danneggiano.

E ‘importante riconoscere che una dose di un cucchiaino di polline richiede ad un ape di lavorare otto ore al giorno per un mese intero. Ogni granello di polline contiene oltre due milioni di particelle di polline di fiori e un cucchiaino da tè contiene più di 2,5 miliardi di particelle di polline di fiori.

Il polline contiene tutti i componenti essenziali della vita. La percentuale degli elementi di ringiovanimento nel polline supera notevolmente quelli di ogni altro integratore o frutto. Il polline corregge una nutrizione carente o squilibrata comune nella nostra odierna civiltà del consumo di alimenti incompleti, spesso con ingredienti chimici aggiunti, che ci espongono a problemi fisiologici tanto diversi quanto numerosi. Ci sono numerose segnalazioni di esperienze mediche che mostrano chiaramente come i vantaggi del polline superano quelli di ogni altro alimento.

Il polline è considerato un energetico e tonico nutritivo nella medicina cinese.

Il polline è anche in grado di proteggere contro le radiazioni e di avere proprietà anti-cancro.

Secondo i ricercatori presso l’Istituto di Apicoltura di Taranov in Russia:

“Il polline è la più ricca fonte di vitamine presenti in natura in un singolo alimento. Anche se il polline d’api non avesse nessuno dei suoi ingredienti ancora sconosciuti, il suo contenuto nutrizionale da solo giustificherebbe di prendere almeno un cucchiaino al giorno, se non altro per rafforzare i capillari. Il polline è estremamente ricco di rutina, più di qualsiasi fonte, in più fornisce nutrimento al nucleo RNA [acido ribonucleico] e al DNA [acido deossiribonucleico]. “

Il polline è un alimento completo e contiene molti elementi che i prodotti di origine animale non possiedono. E’ più ricco di proteine rispetto a qualsiasi fonte di origine animale e contiene più aminoacidi di manzo, uova, formaggio a parità di peso. Il polline è un alimento particolarmente concentrata in tutti gli elementi necessari per la vita.

Ecco per concludere uno studio strepitoso. Pubblicato su Journal of the National Cancer Institute, guidato dal Dott. William Robinson e intitolato Delay in the Appearance of Palpable Mammary Tumors in C3H Mice Following the Ingestion of PolIenized Food ha dimostrato che, presi dei topi programmati geneticamente per morire di cancro al seno entro un certo tempo, sono stati divisi in due gruppi: ad un gruppo di topi è stato dato il polline e all’altro no. Chi non ha assunto il polline è morto di cancro alle mammelle esattamente nel tempo previsto mentre chi ha assunto il polline è vissuto dal 30 al 100% di tempo in più!

C’è da dire inoltre che un cucchiaino al giorno di polline d’api.

  • può risolvere l’infertilità nella donna migliorando l’ovulazione e la funzione delle ovaie
  • può risolvere le allergie e la febbre stagionale
  • migliora nettamente la forza e le prestazioni sportive
  • migliora il metabolismo e favorisce il peso forma (chi è in sovrappeso dimagrisce)
  • stimola il ringiovanimento cellulare
  • fornisce energia alla mente e combatte lo stress

Dove comprare polline Italiano?

Sparsi in tutta Italia troverai sicuramente molti piccoli apicoltori che vendono miele di qualità, presso i loro mercatini (ad esempio in piazza la domenica).

Se preferisci, puoi acquistarlo comodamente da casa tua con un click, acquistandolo su alcuni siti-web specializzati.

Ce ne sono diversi, ma se cerchi un prodotto naturale e 100% Biologico, ti consiglio il polline d’api marchigiano, dell’azienda agricola Erbedimauro.

Puoi ordinarlo su questa pagina: polline d’api Erbedimauro

Le piante proibite, piante che curano. Intervista a Josep Pàmies

piante proibite, piante che curano

Prima che le grandi multinazionali farmaceutiche e agricole capissero il potenziale altissimo della natura, con l’acquisto di brevetti su alcuni geni, e spostassero il mercato verso farmaci prodotti sinteticamente in laboratorio, acquisendone in modo nemmeno troppo velato il monopolio, curarsi con le piante era un’abitudine comune.

Oggi giorno per fortuna è un’usanza sempre più diffusa e in continua evoluzione.

Poco distante da Barcellona, nella frazione di Balaguer (Lleida) c’è un vivaio che è molto più di un semplice vivaio, è un posto dove la natura non è soggetta (o quasi) alle leggi delle multinazionali e curarsi con essa è ancora possibile.

Josep Pamies è colui che ha messo in piedi questo splendido luogo dove è possibile trovare molte specie di piante rare e fortemente terapeutiche. Abbiamo avuto la fortuna ed il piacere di andare a trovarlo per capire meglio il suo lavoro e diffondere il messaggio della sua battaglia contro le multinazionali del farmaco.

Josep è un disobbediente che dovrebbe essere un esempio per tutti coloro che lottano contro le multinazionali e vogliono riavere il controllo della natura, e che ha trovato appoggi e consensi in gran parte d’Europa e oltreoceano.

Un vero e proprio movimento popolare che aspira a diffondere conoscenza dal basso, affidando gli strumenti necessari, per far si che ognuno possa liberamente curarsi con le piante.

Quando è iniziata la tua avventura con il vivaio?

Il vivaio c’è da molti anni: facevamo lattuga, pomodori e altri ortaggi poi ho scoperto una pianta che si chiama Stevia con la quale si possono curare il diabete, l’ipertensione, il colesterolo e che è stata proibita per molto tempo. Così ho cambiato l’attività e ho iniziato a coltivare le piante medicinali, alcune di esse proibite.

Hai comunque mantenuto l’orto?

Sì, certo. Ho molte verdure come lattuga, radicchio, cicoria etc.

Da quanti anni lavori in questo campo?

È 26 anni che sono qui, ma nel tempo c’è stato un rivoluzionamento. Avevo un problema con la Monsanto e la Bayer perché utilizzavo i loro veleni, ed inoltre in quel periodo avevano iniziato a trasformare l’agricoltura chimica in tutto il mondo e proibivano la coltivazione di alcune piante come la stevia. Quando vedo che una pianta che può aiutare a curare il diabete, l’ipertensione e il colesterolo viene proibita dal governo spagnolo, e non solo, ho ancora più voglia di coltivarla e così ho fatto. Una pianta non può fare alcun danno, al contrario il danno lo fa l’impresa farmaceutica che proibisce la vendita di essa per ostacolare la cura del diabete, dell’ipertensione e di altre patologie. Con il passare del tempo ogni volta che regalavo qualche pianta mi venivano regalate altre piante o semi, sempre con e etti terapeutici e curativi, e io apprendevo nuove varietà e utilizzi. Le piante più potenti sono proibite e questo è un crimine.

Sono molte le piante proibite?

La cannabis è l’unica penalmente proibita, le altre (kalanchoe, perilla, stevia etc.) non si possono vendere come erbe medicinali ma si possono coltivare per uso personale. Qui le vendiamo pure, stiamo sovvertendo le leggi del governo perché non sempre abbiamo voglia di abbassare la testa al sistema politico. Un sistema composto da partiti che votiamo formati da imbecilli che reprimono. È da due elezioni che non voto per disubbidienza, in genere sono dalla parte del partito di sinistra ma un partito vale l’altro perché diamo fiducia a persone che poi ci tradiscono. Noi ci ribelliamo coltivando e vendendo sia il proibito che il non.

Un paio di anni fa hai avuto problemi per aver coltivato 70 piante di cannabis, recentemente hai dichiarato di voler coltivare 300 piante di canapa industriale. Hai già iniziato a coltivare la canapa?

Sì, la polizia aveva sequestrato le piante perché non era chiaro, per loro, se era cannabis o canapa e mi hanno denunciato per coltivazione di marijuana. Quest’anno ho messo la canapa industriale, mentre durante i tre anni scorsi era marijuana. Sto aspettando di essere giudicato nel frattempo ho ricevuto una multa da 10mila euro, vediamo come si evolverà. Mi piacerebbe il prossimo anno fare un ettaro in più di canapa.

In una tua intervista hai affermato che vari pazienti a etti da sclerosi multipla si sono curati con la marijuana, in che forma hanno assunto marijuana i pazienti?

In genere assumono la sostanza tramite la macerazione dei fiori di marijuana in olio di oliva, mandorle o cocco per 2 mesi. Con l’appoggio dell’associazione “Dulce Revolucion”, di cui sono membro, spieghiamo come farlo in casa individualmente. Di solito viene applicato sotto la lingua. Recentemente un paziente affetto da cancro, con anche crisi epilettiche, lo prendeva 90 volte al giorno perché meno non faceva effetto. Dipende dalla persona, è molto soggettivo.

Queste persone sono guarite totalmente?

Sì, abbiamo un caso di guarigione totale, c’è la testimonianza del paziente sul nostro sito.

Sappiamo che sei membro dell’Associazione “Dulce Revolucion”. Spiegaci di cosa vi occupate precisamente…

La “Dulce Revolucion” è stata un’idea che partì da qui perché era insostenibile la situazione con la stevia. La pianta era molto conosciuta e non potevamo venderla, all’inizio la regalavamo. Poi con gli amici di Slow food, in particolare con Carlo Petrini (fondatore Slow Food), volevamo aprire una sezione sulle piante medicinali e di denuncia ma la struttura di Slow Food non lo permetteva. Così insieme abbiamo deciso di farlo per conto nostro, con la “Dulce Revolucion”. Non è stato condiviso da Slow Food perché l’associazione non ha voluto legarsi ad un movimento così duro e forte contro le mafie, ma da quel momento si è creato un gruppo di volontari di Slow Food che si sono occupati della “Dulce Revolucion” e che da 8-9 anni scrivono articoli, fanno traduzioni e diffondono contenuti.

In passato hai avuto dei problemi legali anche a causa della stevia… Nel corso del tempo hai avuto altri problemi con la legge per via di qualche altra pianta?

Ho problemi con piante di cui al momento non esistono sanzioni. Ad esempio la Kalanchoe utile nella cura del cancro, la Perilla per gli orzaioli o l’Artemisia annua per il cancro ai polmoni; sono piante di cui è proibita la vendita ma che noi vendiamo comunque.

Appoggi l’iniziativa legislativa popolare contro gli organismi geneticamente modi cati in Catalunya. Come si muove la politica in questo senso?
Per presentare un’iniziativa popolare al parlamento della Catalunya abbiamo bisogno di 50mila firme, ne abbiamo raccolte 106mila, il doppio. Abbiamo avuto molti consensi in Catalunya e adesso che è stata presentata in parlamento la proposta di legge è necessario discuterla, ma i partiti si riuniscono se partecipano tutti altrimenti non si discute e questa è una gran perdita di tempo. È importante fare opposizione nella società con la disobbedienza, non coltivando creeremo un male invece bisogna coltivare il proibito per il bene.

Hai conosciuto altre realtà simili alla tua fuori dalla Spagna?

Con la “Dulce Revolucion” stiamo cercando di creare una rete di realtà collegate all’associazione ma tutte indipendenti. In Italia stanno iniziando adesso, in Spagna c’è qualche realtà simile alla nostra e anche in America, ma la struttura è differente. Non abbiamo una relazione diretta con le altre realtà così non possono bloccare tutti ma possono andare dal singolo.

Viviamo in un mondo in cui non siamo capaci di tenere sotto controllo le scorie e l’inquinamento che produciamo, ma ci preoccupiamo di proibire delle piante: chi le teme davvero?

Bayer e Monsanto sono la stessa impresa ora che la prima ha comprato la Monsanto. Entrambe non si fermano con il transgenico, gli insetticidi o gli erbicidi ma detengono anche la sezione farmaceutica che non cura con i medicamenti ma ha molti effetti secondari e si deve fermare anche con l’alimentazione. Quest’effetto secondario dei medicamenti che non curano è la seconda causa di morte in Europa. Vari premi Nobel hanno annunciato un libro di un giornalista straordinario che smonta tutto lo schifo dei politici e delle farmacie. L’ambiente è una causa importante di morte per contaminazione di quello che respiriamo, e più importante è quello che mangiamo. Mangiamo male e per aumentare la produzione ci ritroviamo un sacco di cibo tossico. Le malattie ultimamente stanno crescendo molto rapidamente e questo è buono per l’industria farmaceutica. C’è interesse nel far aumentare le malattie e molte persone muoiono, molta gente non ci pensa perché si da del governo ma il governo è un assassino. Tutti i governi. C’è un libro importante, che consiglio, che parla di questo “Medicine letali e crimine organizzato” di Peter C. Gøtzsche.

Cosa ne pensi del fatto che negli ultimi anni la cannabis è stata rivalutata in tutto il mondo?

Gli Stati Uniti hanno legalizzato in alcuni Stati la marijuana diminuendo la proibizione, l’Europa invece è il nucleo duro dell’industria farmaceutica rispetto agli Stati Uniti, questo è il motivo perché è molto lenta la legalizzazione in Italia. La Bayer e la Monsanto sono molto posizionate in Europa e non ci sono grandi speranze future perché i governi europei, che dipendono dall’Unione Europea, si stanno piegando e vendendo al sistema.

Che cambiamento hai notato in questi anni?

La società non criminalizza la marijuana, se vince un referendum sulla legalizzazione si legalizzerà. Stanno cambiando milioni di persone è il governo che non cambia. La differenza sta a livello di popolo e nell’interesse del settore farmaceutico. La “Dulce Revolucion” si impegna per rendere ognuno indipendente e autonomo nel coltivare le proprie piante per sé. Noi coltiviamo anche perché alcune persone malate, nel momento di emergenza, non riescono a coltivare una pianta per curarsi. La coltivazione di una pianta non si può fermare anche se stanno imparando la commercializzazione della pianta per il trattamento. È cambiata molto la mentalità della gente: medici, infermieri e persone del settore vengono a cercare ed informarsi sui vari tipi di piante mediche.

Come organizzate il lavoro di informazione?

Ogni sabato facciamo vedere come si fanno le varie preparazioni, circa 200/300 persone vengono ogni settimana qui ad apprendere. Dalle 2 alle 4 ore. Facciamo vedere come usare le piante, come fare l’olio, gli estratti etc., e cerchiamo di spiegare le tecniche più semplici ed economiche. La mattina facciamo 2 ore di intercambio di esperienza con le persone che si sono curate dal cancro e che in pochi mesi sono guarite. È più che un vivaio.

Hai contatti con medici che ti portano pazienti?

Sì, siamo in contatto con medici e biologi che supportano la nostra visione. La rete di relazioni che abbiamo è cresciuta nel tempo in maniera graduale. Purtroppo non possiamo salvare tutto il mondo, possiamo farlo di ondendo informazioni e in ogni caso le persone devono svegliarsi. Ci sono 300 persone con bambini con il cancro che stiamo trattando. Se la gente inizia a curarsi in questo modo aiuta anche gli altri a curarsi e guarire, è importante creare il passaparola.

Clicca “Mi piace”, un piccolo favore che ti chiedo per incentivarmi a scrivere. Grazie 🙂

 

 

I 10 straordinari benefici della Clorofilla

10 benefici clorofilla

Che cos’è la Clorofilla?

La clorofilla è il pigmento verde presente nelle piante.

Ogni volta che consumiamo verdure a foglia verde stiamo assumendo clorofilla. La struttura chimica della clorofilla è praticamente identica all’emoglobina con l’unica differenza che la prima ha al suo nucleo un atomo di magnesio mentre la seconda contiene ferro.

Per questo motivo la clorofilla è considerata il sangue delle piante e svolge nell’organismo umano delle funzioni curative tanto che in molti centri dove curano il cancro usano molto questa sostanza naturale.

La clorofilla la possiamo assumere consumando verdure verdi condite con olio (essendo liposolubile si assimila meglio con i grassi), oppure tramite un succo verde (estratto o centrifuga di lattuga, cetriolo, sedano, broccoli con aggiunta di spirulina, clorella, klamath) o anche attraverso le alghe di acqua dolce come spirulina, clorella, klamath che ne sono ricche.

L’erba di grano è molto abbondante di clorofilla.

Esistono anche integratori specifici di clorofilla in compresse o liquida.

La clorofilla è un alimento perfetto e gli animali quando stanno male mangiano l’erba verde per disintossicarsi oltre che per assumere dei nutrienti. Parte di questo merito è dovuto proprio alla clorofilla che contengono. La clorofilla dona tantissimi benefici all’organismo che numerosi studi scientifici hanno confermato.

10 Benefici della Clorofilla

1. Perdita di peso e controllo della fame. Uno studio pubblicato nel settembre del 2013 riporta che i composti contenenti clorofilla potrebbero contribuire a sopprimere la fame. A venti donne, moderatamente in sovrappeso, sono stati forniti dei pasti di prova in tre diverse occasioni ad una settimana di distanza. Due pasti contenevano clorofilla e uno no. Le donne hanno riferito di aver notato una riduzione della fame a seguito dei pasti contenenti clorofilla. Le analisi del sangue hanno mostrato livelli di zucchero stabili. Questi risultati suggeriscono che la clorofilla dovrebbe essere considerata un metodo efficace per gestire la fame e promuovere la perdita di peso.

2. Alito cattivo e odore del corpo. La clorofilla fa bene al vostro corpo “dall’interno verso l’esterno” letteralmente! Questo include l’odore dell’alito, delle ascelle e anche le feci. E’ stata condotta una prova in una casa di cura con 62 pazienti, lo studio ha riportato miglioramenti negli odori provenienti dai soggetti sottoposti al test. Oltre alla riduzione dei cattivi odori, si sono notati miglioramenti anche sul piano della stitichezza e del meteorismo.

3. Accelera la guarigione. Che l’uso di clorofilla favorisca il fisiologico processo di guarigione è noto da almeno più di un secolo. Un rapporto pubblicato dalla Università Butler (datato 1950) tratta dell’uso di clorofilla per migliorare i tempi di guarigione. Uno studio più recente ha scoperto che, quando viene utilizzata in forma spray, la clorofilla aiuta notevolmente durante nella terapia delle ferite.

4. Disintossica da metalli pesanti e tossine. Gli inquinanti ambientali come i metalli pesanti possono distruggere rapidamente la salute. La clorofilla si lega con queste sostanze ostacolandone l’assorbimento. Una ricerca ha dimostrato l’azione di pulizia della clorofilla con alcuni agenti cancerogeni. Uno studio incrociato con quattro volontari umani ha testato la capacità della clorofilla di rimuovere, dopo l’ingestione, dell’aflatossina (noto cancerogeno). Ogni volontario ha ricevuto tre porzioni di aflatossina prima del pasto, in due era inclusa una tavoletta di clorofilla. I risultati hanno mostrato una rapida eliminazione, circa il 95% evacuato entro le 24 ore.

5. Protegge dalle tossine presenti nei cibi fritti. I cibi fritti non solo possono aumentare il nostro girovita, ma durante la frittura ad alta temperatura si possono sviluppare sostanze in grado di danneggiare il tessuto del colon e di intaccare il DNA delle cellule del colon. In uno studio, alcuni partecipanti hanno mangiato cibi fritti accoppiati con “cibi di protezione”, tra cui anche la clorofilla, e sono stati osservati minori danni al DNA delle cellule del colon.

6. Potente antiossidante. La clorofilla è considerata un superfood grazie alle sue potenti proprietà antiossidanti. Protegge le cellule dal danno ossidativo eliminando i radicali liberi. Una pianta nota per avere alti livelli di clorofilla, Conyza triloba, ha mostrato un comportamento antiossidante molto attivo. Uno studio in vitro l’ha giudicata in grado di ridurre i radicali liberi riducendo il danno cellulare.

7. Anticancro. Anche se la ricerca attualmente non afferma che la clorofilla sia un anticancerogeno, i ricercatori sono entusiasti del suo potenziale nella terapia. Uno studio ha trovato che gli uomini con bassi livelli di clorofilla nella dieta avevano un rischio più elevato di cancro al colon. Un altro studio ne ha evidenziato l’efficacia nella stimolazione degli enzimi del fegato.

8. Candida albicans. L’infezione da Candida è un grosso problema per molte persone e può portare a molti sintomi stanchezza, depressione e problemi digestivi… Solo per citarne alcuni. La ricerca ha dimostrato che le soluzioni isolate di clorofilla fermano la crescita di Candida albicans.

9. Allevia rossore e gonfiore. Nella medicina tradizionale sono state a lungo utilizzate le foglie verdi per le infezioni. Recenti sperimentazioni hanno riportato che le foglie verdi (contenenti clorifilla) aiutano a ridurre gonfiore e arrossamento!

10. Anemia e debolezza. La clorofilla è molto utile per stimolare la produzione dei globuli rossi e rinnovare il sangue. Infatti scambiando il ferro con il magnesio al centro della molecola, fornisce una forma “biodisponibile” di magnesio al corpo. Infatti la maggior parte dei casi di anemia non sono dovuti ad una carenza di ferro ma ad una mancata assimilazione di questo da parte dell’organismo: assumere clorofilla migliora l’assorbimento del ferro e il suo utilizzo per formare l’emoglobina dei globuli rossi.

Clicca “Mi piace”, un piccolo favore che ti chiedo per incentivarmi a scrivere. Grazie 🙂

 

Prodotti correlati:

Effetti collaterali dei vaccini, dr. Berrino: Il dramma è che non sappiamo quali sono

effetti collaterali vaccini berrino

Riportiamo di seguito l’intervento del dottor Franco Berrino nel corso della conferenza “Cibarsi di Salute” in merito agli effetti collaterali dei vaccini:

“Andando a fare le vaccinazioni, noi andiamo a lavorare in un organismo che sta lavorando tanto per costruire il suo sistema immunitario.

Allora dobbiamo chiederci se effettivamente, se è una cosa veramente utile vaccinare i bambini cosi presto.

Non ci sono degli studi che hanno dimostrato che è meglio vaccinare un bambino appena nato piuttosto che a 6 mesi, piuttosto che a 1 anno; sarebbe importante fare questi studi.

Il grande problema che c’è stato adesso, la questione della polemica dei vaccini, non se ne può più di questa storia… io sono favorevole ai vaccini, mica contrario!

Il dramma dei vaccini è che noi non sappiamo quali sono gli effetti collaterali, i danni causati dai vaccini.

C’è stato un documento uscito pochi mesi fa dall’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, che ha un documento sugli effetti collaterali dei vaccini; sono 170 pagine vergognose. Nessuno studio valido. Sono soltanto una raccolta delle denunce che fanno i medici che sospettano che il bambino ha avuto una reazione avversa.

Ma se l’ha avuta subito magari lo sospetta, se l’ha avuta 15 giorni dopo magari non lo sospetta, c’è una grande variabilità nelle regioni italiane di frequenza della reazione avversa, dipende dalla sensibilità del medico, dall’interesse del medico.

No, bisogna fare degli studi seri per sapere. Sappiamo che i vaccini possono avere degli effetti collaterali importanti, sono rari fortunatamente ma ci sono.

Dobbiamo sapere perché in un bambino c’è un effetto collaterale e in un altro no. Dobbiamo sapere le differenze che ci sono in questi due bambini e allora bisogna fare degli studi e quello che manca sono questi studi.

E io dico, dal mio punto di vista personale, proprio, la vergogna di questa attitudine delle nostre autorità sanitarie è che se obblighi di fare qualche cosa devi sapere gli effetti che fa questa cosa.

Devi misurare, devi fare degli studi, devi fare degli studi per sapere che differenza c’è tra i bambini che si ammalano e quelli che non si ammalano.

Per sapere come aiutare, per fare in modo che i bambini non si ammalino con gli effetti collaterali dei vaccini, saranno rari finché vuoi… ci sono.

E allora dobbiamo studiare.”

Guarda il video dell’intervento del dr. Berrino

Clicca “Mi piace”, un piccolo favore che ti chiedo per incentivarmi a scrivere. Grazie 🙂

 

Opere del dottor Franco Berrino: